Carbon Pricing, prezzo della tassa sufficiente?

Salve a tutti ragazzi, mi chiamo Noè e sono nuovo nel movimento Eumans. Ciò nonostante vorrei aprire una discussione sul tema dell'iniziativa StopGlobalWarming.

Ovviamente sostengo a pieno l'iniziativa e sto lavorando per pubblicizzarla, ma ho fatto delle ricerche approfondite e ho appreso che gli studi scientifici più recenti ed accreditati ci comunicano che il prezzo della carbon tax proposto nella nostra iniziativa sarebbe troppo basso per ottenere i benefici sperati.

Forse si è puntato più in basso per non rischiare di essere visti come troppo "radicali" dalle istituzioni europee, ma è solo una mia supposizione personale..

Ciò detto, i due studi più accreditati sono in particolare:

Boyce, James K. «Carbon Pricing: Effectiveness and Equity». Ecological Economics 150 (1 agosto 2018): 52–61.

- https://doi.org/10.1016/j.ecolecon.2018.03.030 .

Nordhaus, William D. «Revisiting the Social Cost of Carbon». Proceedings of the National Academy of Sciences 114, n. 7 (14 febbraio 2017): 1518–23.

- https://doi.org/10.1073/pnas.1609244114 .

Vi invito a darci un occhio.
 
Anche già nel 2017 e basandosi sulla scienza di quel momento, per restare sotto 2,5°C (quindi ben 1°C in più di quello che bisognerebbe fare per salvare almeno il 20-30% della barriera corallina per esempio, ma anche per limitare un po' di più i disastri di cui ormai sappiamo) il prezzo sociale del carbonio che "saltava fuori" dai modelli era circa 213 euro a tonnellata nel 2020 per aumentare fino a circa 925 euro a tonnellata nel 2050.

(Ancora peggio se prendiamo come limiti di temperatura da raggiungere quelli dell'Accordo di Parigi, 1,5-2°C).

Questa petizione chiede di partire da €50 nel 2020, almeno quattro volte meno del necessario, per salire a €100 nel 2025, se ho letto bene.

Ho paura che per timore di rischiare di essere presi per troppo radicali, si faccia l'errore di sminuire le richieste in partenza, mentre alla fine questo potrebbe condurre a una proposta della Commissione Europea che poi Parlamento e Consiglio ridurrebbero ulteriormente di portata.

Ci tenevo ad aprire questa discussione, pur sapendo che ora non è possibile modificare i termini della petizione già presentata, per avviare una "critica" costruttiva anche in previsione di futuri scenari.

Fatemi sapere che ne pensate. Ciao a tutti.