Una ICE per la Interoperabilità delle piattaforme digitali

Abbiamo cominciato a discuterne al seminario di Milano. Con Stefano Quintarelli abbiamo deciso di passare all'azione. I primi passi per una ICE sulla interoperabilità delle piattaforme.

Una regolamentazione europea per la inter-operabilità delle piattaforme consente di rompere alla radice il meccanismo sui cui si basano i monopoli digitali dei "giganti del web" e dare agli utenti un diritto sostanziale, oggi negato: scegliere di portare con sé i propri dati da un provider all’altro, come già si ha il diritto di fare con il numero di telefono.
Un obiettivo alla portata di Eumans!

 

Link diretto al commento

In risposta a di Andrea Andreoli

Non lo conoscevo. Leggo che è ancora un progetto di ricerca, partito quest'anno, e finanziato con bando Horizon 2020 per la durata di 36 mesi.

Se capisco bene ha l'obiettivo di creare un'infrastruttura per costruirvi su nuovi social media basati su appropccio opposto a quella merda di Fscebook.

Quindi non ha tanto a che fare con l'interoperabilità tra piattaforme ma è essa stessa una nuova piattaforma basata su principi sacrosanti di empowering delle persone.

Ottima segnalazione. Da tenere d'occhio senz'altro.

Trovo qui un articolo che approfondisce gli aspetti scientifici del progetto.

W Helios!!!

Grazie Andrea.